Regione Lombardia

Cormano-Paderno: prioritaria la riqualificazione della metrotranvia Milano-Limbiate. Ok allo studio di fattibilità della M3

Pubblicato il 11 luglio 2018 • Viabilità

Si è svolta questa mattina presso la Sala Giunta del Comune di Cormano una conferenza stampa organizzata dal Sindaco Tatiana Cocca che ha illustrato lo stato di fatto della riqualificazione della metrotranvia Milano-Limbiate e del prolungamento della M3 da Comasina a Cormano/Paderno Dugnano.
L’incontro, durante il quale sono intervenuti anche Fabio Pizzul, Capogruppo del Partito Democratico di Regione Lombardia, ed Efrem Maestri, Vicepresidente del Consiglio Comunale di Paderno Dugnano, è stato l’occasione per rendere noto quanto accaduto nell’ultima seduta del Consiglio di Regione Lombardia, durante la quale è stato approvato il Piano Regionale di Sviluppo e sono stati respinti i due emendamenti presentati dal PD, uno dei quali prevedeva la realizzazione di uno studio di fattibilità sul prolungamento della metropolitana gialla oltre i confini milanesi.
Al momento quindi il documento non è stato inserito nei piani di Regione Lombardia anche se, per capire meglio quanto accadrà, sarà necessario attendere fine luglio quando, sempre in Consiglio Regionale, sarà discusso l’assestamento di bilancio.
In questa occasione sarà evidente la presenza o meno dei fondi necessari alla realizzazione dello studio di fattibilità, indispensabile per una prima valutazione sull’opera che, al momento, rimane un sogno lontano.
“Maggiore concretezza ha invece il progetto della riqualificazione della metrotranvia – ha ribadito il Sindaco Cocca - E’ fondamentale evitare il rischio che le risorse economiche previste dallo Stato vengano a mancare se si temporeggia sulla riqualificazione. Il pericolo reale è che in questo modo non venga mai realizzata la metrotranvia e il prolungamento della metropolitana resti una promessa elettorale dagli esiti incerti e dall'iter assai lungo e complicato".

Il Sindaco Tatiana Cocca ha confermato la necessità di portare avanti entrambi i progetti ritenendoli complementari. “Rendere alternative le due proposte potrebbe portare notevoli problemi alla mobilità interna dei Comuni coinvolti, fra i quali quello di Cormano”, ha dichiarato il Sindaco, “E’ indispensabile assicurare che il piano per la realizzazione della metrotranvia Milano-Limbiate venga mantenuto valido da Regione Lombardia e dai Comuni interessati alla tratta, che dovranno garantire il loro impegno economico. A differenza di quello della metropolitana si tratta di un progetto concreto con fondi già stanziati. I cittadini attendono una riqualificazione, necessaria a rendere ottimale il servizio che garantisce una diminuzione del traffico automobilistico e consente a numerosi pendolari di raggiungere comodamente la fermata della metropolitana in sede preferenziale”.

Proprio per ribadire la necessità di portare avanti entrambi i progetti, anche il PD cormanese, durante la seduta del Consiglio Comunale del 10 luglio, ha presentato un ordine del giorno per rilanciare lo studio di fattibilità per il prolungamento della MM3 da Milano-Comasina a Paderno Dugnano e promuovere una forte iniziativa nei confronti di Regione Lombardia affinché provveda a reperire fin da subito le risorse economiche che in primis devono prevedere lo studio di fattibilità. L’Ordine del Giorno è stato approvato da tutte le forze politiche presenti e verrà inviato a Regione Lombardia.