Regione Lombardia

Giovanni e Nori. Due vite unite dalla passione politica e dall’amore. Una storia nella Storia.

Pubblicato il 3 aprile 2019 • Cultura

Giovedì 11 aprile alle ore 21.00 nella sala Consiliare E. Cassanmagnago per le celebrazioni del 74° anniversario della Liberazione l’associazione CreazioneDonne e Anpi Cormano ospitano Daniele Biacchessi e Tiziana Pesce per presentare il libro “Giovanni e Nori. Una storia di amore e di resistenza” che racconta la storia di Giovanni Pesce, comandante partigiano responsabile dei Gap di Torino e di Milano, protagonista della Resistenza e della Liberazione e della moglie Onorina Brambilla Pesce detta Nori anche lei combattente partigiana.

Giovanni Pesce giovanissimo ha aderito al Partito comunista e combattuto nelle Brigate internazionali contro Franco. Tornato in Italia, è catturato e mandato al confino. Per lui, giovane proletario emigrato con poca cultura, l’incontro a Ventotene con il fior fiore dell’antifascismo diventa fondamentale. Liberato intorno all’estate del 1943, dopo l’arresto di Mussolini e l’armistizio dell’8 settembre, inizia la clandestinità, prima a Torino, poi a Milano. Per Giovanni, primula rossa dell’antifascismo italiano, saranno mesi di azioni militari avventurose, leggendarie, coraggiose, drammatiche. Proprio nella Milano occupata dai nazisti, stremata, affamata, disseminata di luoghi dell’orrore, avviene l’incontro di una vita: i due partigiani Giovanni e Nori si conoscono, si innamorano e non si lasciano più. Le loro vite si intrecciano indissolubilmente con la lotta antifascista. Nella città crocevia di spie e delatori al servizio del nemico, Nori cade in un ’imboscata e viene deportata. È l’ultima separazione  perché insieme, Giovanni e Nori, rimarranno tutta la vita, condividendo e facendo sulla propria pelle la storia di quegli anni.

Daniele Biacchessi, giornalista e scrittore, è caporedattore di Radio24. Ha vinto il Premio Cronista 2004 e 2005 per il programma Giallo e nero, il Premio Raffaele Ciriello 2009 per il libro Passione reporter (Chiarelettere 2009) e il Premio Unesco 2011 per lo spettacolo Aquae Mundi con Gaetano Liguori. Tra le sue pubblicazioni: La fabbrica dei profumi (Baldini & Castoldi 1995); Fausto e Iaio (Baldini & Castoldi 1996); Il caso Sofri (Editori Riuniti 1998); L’ultima bicicletta. Il delitto Biagi (Mursia 2003); Il Paese della vergogna (Chiarelettere 2007); Orazione civile per la Resistenza (Promo Music 2012); Enzo Tortora. Dalla luce del successo al buio del labirinto (Aliberti 2013). È anche autore, regista e interprete di teatro narrativo civile e presidente dell’associazione Arci Ponti di memoria.

volantino

Allegato 395.00 KB formato jpg
Scarica