Ai nastri di partenza i lavori di ristrutturazione del Granchio

Pubblicato il 7 gennaio 2019 • Comune

Partiranno nel primo semestre del 2019 i lavori per dare nuova vita al Granchio, edificio situato nella piazza di via Leonardo da Vinci che, fino a luglio 2016, era stato una casa popolare comunale.

La struttura, caratterizzata dalle chele laterali, dopo i traslochi delle 44 famiglie che l’abitavano, trasferite in appartamenti più moderni e funzionali nei palazzi di social city, è rimasta disabitata e in attesa di una nuova destinazione d’uso e degli interventi necessari per renderla nuovamente abitabile e sicura.

Dopo un lungo iter, lo scorso autunno, il Consiglio Comunale ha deciso di destinarla a Residenza Socio/Sanitaria Assistenziale per Anziani che avrà il compito di garantire diversi servizi alla collettività.

A seguito dell’espletamento della gara di appalto, l'intero edificio, compreso il cortile posteriore, è stato venduto, per un prezzo di cessione di un milione e 900mila euro, alla società "Villa Flora srl", che gestisce in città l'omonima residenza per anziani di via Ada Negri.

Il Granchio, per volontà dell’acquirente, sarà demolito e al suo posto verrà ricostruito un nuovo edificio che avrà la sua stessa metratura cubica del precedente. Oltre al ricovero e alla degenza delle persone anziane, un' apposita convenzione con il Comune di Cormano vincolerà l’acquirente a mantenere la destinazione d’uso dell’edificio a RSA e a garantire alcuni servizi alla cittadinanza più anziana, come la consegna dei pasti a domicilio, la disponibilità di 15 appartamenti a canone concordato, nonché l’impegno di mettere a disposizione 5 bilocali residenziali per ospiti ultra sessantacinquenni, nuclei familiari in situazione di difficoltà sociali individuati dall'amministrazione comunale, al prezzo del 50% del valore di mercato corrente.

Con la palazzina saranno realizzati un parcheggio e un piccolo parco interno.