Allerta meteo per rischio neve - Arancione (criticità moderata)

Pubblicato il 27 dicembre 2020 • Protezione Civile

Un ampio vortice depressionario di origine artica si sta posizionando sulle Isole britanniche ed estendendo verso l'Europa occidentale, determinando la piegatura del flusso da ovest e poi da sudovest sull'Italia del nord. Il flusso umido dal Tirreno settentrionale che verrà così a determinarsi, favorirà precipitazioni tra deboli e moderate sull'intero territorio regionale a partire dalla serata di oggi 27/12. A causa della contestuale iniezione di masse d'aria più fredde, pilotate dal vortice citato, tali precipitazioni assumeranno carattere nevoso a tutte le quote su pressochè l'intero territorio regionale nel corso della notte e della mattinata di lunedì 28/12. Successivamente permarrà instabilità, ma il flusso tenderà a stirarsi, interessando maggiormente il nordest italiano e l'area balcanica.

Le prime precipitazioni, molto deboli, sono attese a partire dalla serata di oggi 27/12, con nevischio o neve a tutte le quote, ad eccezione dei settori di pianura orientale, dove sono attese pioviggini o pioviggine mista a nevischio. Gli accumuli nella serata di oggi 27/12 possono arrivare al più al centimetro in pianura occidentale, 1-2 centimetri sui rilievi.

Nel corso della notte/prime ore della mattina di domani 28/12 è attesa un'intensificazione delle precipitazioni, in particolare su Appennino, pianura occidentale e centrale e fascia prealpina; le precipitazioni assumeranno carattere nevoso a tutte le quote su tutto il territorio regionale, con la probabile eccezione di parte dei settori di pianura orientale, dove sarà ancora possibile un carattere misto di neve e pioggia.
Le precipitazioni proseguiranno nella mattina di domani 28/12, spostandosi progressivamente da ovest ad est ed interessando maggiormente, in questa fase, i settori centrali ed orientali della regione. Dal pomeriggio precipitazioni in esaurimento sulla pianura e sulle Prealpi, mentre permarranno fino a sera con debole - molto debole intensità (1-2 centimetri) sui rilievi alpini confinali.

Pertanto nelle 24 ore di lunedì 28/12, gli accumuli attesi sulle zone di pianura saranno compresi tra 2-5 centimetri (su bassa bresciana, mantovano, cremonese orientale e Lomellina) e 10-20 centimetri (sui restanti settori di pianura), mentre sui rilievi mediamente tra 8-10 (Prealpi Varesine e Lario) e 20-30 centimetri (sui restanti settori e al crescere della quota).

Si segnala inoltre che nella serata di lunedì 28/12 e nella notte di martedì 29/12 gelate diffuse interesseranno anche le zone di pianura.

ALLERTA di PROTEZIONE CIVILE n° 2020.144 del 27/12/2020
Allegato formato pdf
Scarica