Coronavirus: nuove misure valide in Lombardia - zona arancione dall'1/3/2021

Pubblicato il 27 febbraio 2021 • Salute

Il DPCM del 14 gennaio 2021 conferma l’individuazione di tre differenti “zone” (gialla, arancione, rossa), corrispondenti a diversi scenari di rischio, e istituisce inoltre, in conformità a quanto previsto dal Decreto Legge n. 2 del 14 gennaio 2021, una cosiddetta “zona bianca” nella quale si collocano le Regioni con un livello di rischio basso.

In base all’Ordinanza del Ministro della Salute del 27 febbraio 2021, a partire da lunedì 1° marzo la Lombardia è collocata in “zona arancione”.

Rimangono in vigore le limitazioni previste per specifici territori così come definite dall’Ordinanza regionale n. 705 del 23 febbraio 2021 e dall’Ordinanza n. 701 (prorogata fino al 3 marzo dall’Ordinanza n. 706 del 24 febbraio).

Il decreto legge n.15 del 23 febbraio 2021 conferma, su tutto il territorio nazionale, il divieto di effettuare spostamenti tra regioni o province autonome fino al 27 marzo, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

È ancora vigente l'Ordinanza regionale n. 675 che prevede la sospensione delle limitazioni permanenti alla circolazione dei veicoli Euro 4 diesel, nei Comuni in Fascia 1 e nei Comuni con più di 30.000 abitanti in Fascia 2, stabilita dall’Allegato 1 della deliberazione della Giunta Regionale n. 3606 del 28/09/2020, fino al prorogarsi della situazione emergenziale.

Per maggiori dettagli consultare la pagina relativa alle misure valide in Lombardia.
Per ulteriori approfondimenti è possibile consultare le risposte alle domande più frequenti (FAQ) sul sito del Governo.